0,000

Nuvole Lab

Nuvole – laboratorio di espressione per genitori con figli emofilici

Nuvole Lab

Il progetto è realizzato in collaborazione con il Servizio Malattie Emorragiche e Trombotiche della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli di Roma, le Associazioni A.MA.RE. e ABCE e con la partecipazione dell’Istituto Psicologico Europeo (IPSE).

Attraverso un laboratorio di espressione rivolto ai genitori caregiver di figli emofilici (in particolare in tenera età) il progetto si propone di raccogliere il vissuto dei partecipanti rispetto a un rapporto genitore-figlio in molti casi reso complesso e ansiogeno dalla presenza della malattia.

Un laboratorio di espressione condotto interamente on line, accessibile via PC, tablet e smartphone in cui i partecipanti, in piccoli gruppi, saranno stimolati a raccontarsi, oralmente, per iscritto, per immagini, in base alle sensibilità e alle propensioni di ognuno.

L’obiettivo è aiutare i genitori caregiver a riappropriarsi delle proprie emozioni sottaciute e a gestire la relazione di accudimento dei propri figli senza che questa sia invasa dalla proiezione delle paure e dalle ansie genitoriali.

Nuvole lab prevede il coinvolgimento di circa 100 caregiver con figli emofilici, distribuiti sull’intero territorio nazionale e suddivisi in 16 gruppi. Inoltre, vede coinvolta un’equipe dell’IPSE e della sua Scuola di Psicomotricità impegnata nella conduzione dei laboratori.

CAREGIVER: 4 INCONTRI A DISTANZA IN PICCOLO GRUPPO DI 6 PERSONE

Saranno formati 16 gruppi di caregiver e per ciascuno dei 16 gruppi sono previsti 4 incontri da 60 minuti a cadenza settimanale, on line in sincrono.

Le attività di espressione verbale e per immagini saranno condotte da un’equipe specializzata di IPSE Istituto Psicologico Europeo.

INCONTRI CON I MEDICI

Sono previsti incontri tra i professionisti che condurranno i laboratori e i medici dei Centri Emofilia di riferimento per ciascun gruppo di caregiver.

A conclusione del progetto è previsto un incontro con tutti i caregiver che avranno partecipato e con i medici di riferimento per la condivisione dei risultati.

Con il contributo non condizionato di