0,000
FedEmo a sostegno delle Associazioni Palestinesi dei pazienti

FedEmo a sostegno delle Associazioni Palestinesi dei pazienti

Comunicato di FedEmo a sostegno delle Associazioni Palestinesi dei pazienti

FedEmo si appella alle Istituzioni affinché si attivino immediatamente e moltiplichino gli sforzi per portare gli aiuti necessari alla popolazione palestinese e, in particolare, alle persone con emofilia, talassemia e malattie della coagulazione.

La richiesta delle Associazioni degli Emofilici palestinesi non può rimanere inascoltata a fronte della situazione che da ottobre sta martoriando la Striscia di Gaza, divenendo sempre più tragica e, soprattutto, senza che se ne prospetti la conclusione.

FedEmo chiede l’impegno e l’intervento di Governo, Regioni e organizzazioni internazionali per individuare urgentemente corridoi umanitari utili alla spedizione di farmaci che, ricordiamo, sono considerati salva vita.

Deve essere fatto tutto il possibile per favorire l’invio e l’ingresso di farmaci, fattori della coagulazione e personale medico volontario per garantire l’accesso alle cure dei pazienti affetti da disturbi cronici del sangue, ivi compreso l’invio di strutture mobili laddove i plessi ospedalieri siano stati danneggiati o distrutti.

Tutto questo nell’ambito di un doveroso supporto umanitario, che travalichi le ragioni del conflitto e per il quale l’Italia si è sempre distinta sul piano internazionale.

In uno scenario di distruzione di strutture ospedaliere, che vede fortemente colpita anche la popolazione civile, le persone con malattie emorragiche della coagulazione, emofilia o talassemia, si trovano a vivere una tragedia nella tragedia.

FedEmo chiede pertanto con forza il massimo impegno istituzionale e l’attivazione celere di piani di aiuto internazionale per alleviare le sofferenze dei pazienti nostri omologhi in Palestina.

Comunicato [PDF: 197 Kb]

Indice della rassegna stampa [PDF: 1 Mb]